© 2015 by Ricky's Ride. 

  • Black YouTube Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black Facebook Icon

Triumph Speed Triple R - Neve, sole e mare!

March 14, 2016

 

Dopo l'appuntamento annuale dell'EICMA, avevo scritto una lista di moto che avrei voluto provare e recensire. In quell'elenco non c'era la nuova Triumph Speed Triple R, semplicemente perchè non mi aveva impressionato dal vivo, e quindi non l'avevo considerata. Invece un paio di giorni fa ho avuto l'opportunità di guidarla...ed è stata veramente una bella sorpresa!!! 

 

Esteticamente la nuova Speed Triple sembra più snella e leggera. Rispetto al precedente modello, è ben curata, in particolare la versione R, dove il parafango anteriore e i fianchetti del serbatoio sono in carbonio. Si vede che hanno dato molta importanza ai dettagli, come le cuciture della sella, le frecce, gli specchietti, il copriradiatore e altri particolari ricavati dal pieno. L'unico elemento che non mi convince è il "muso", che rimane un pò troppo staccato e mi ricorda una mantide religiosa.

 

 

Bisogna ammettere che ad Hinckley si sono dati molto da fare e nel 2016 hanno presentato una gamma quasi completamente rinnovata. Il motore di questa streetfighter, quasi totalmente rivisto, ora non è solo più potente, ma consuma anche di meno. L'erogazione è molto fluida, regolare e senza strappi, e si sente una gran bella spinta, che sembra non finire mai, a tutti i regimi. Del resto 140 cv non sono pochi, e sulle strade dell'Appennino e della costa ligure sono pure troppi. Se si tirano un pò le marce, difficilmente si va oltre alla terza. Le vibrazioni non si fanno sentire quasi mai, l'unica eccezione è con le marce basse, nella primissima apertura del gas, dove qualcosina si avverte. Rimane comunque un motore godibilissimo, molto divertente e, nonostante la notevole potenza, facilmente gestibile anche per motociclisti con poca esperienza. Durante la prova ho apprezzato molto il cambio, le marce entrano rapidamente e con precisione. Poi volendo sulla versione R è possibile montare il quickshifter, che non è compreso, ma va quindi acquistato a parte.

 

Ovviamente tutta questa potenza è tenuta a bada dal traction control, che può contare su cinque diverse mappe: Rain, Road, Sport, Track e Rider. Quest'ultima è completamente personalizzabile (durante la mia prova ho usato sempre la Road, anche sul bagnato).

Per cambiare da una modalità all'altra, basta schiacciare un pulsante accanto ai blocchetti sul manubrio a moto ferma (non è necessario che sia spenta). Avrei solo aggiunto un secondo pulsante per poter fare avanti e indietro, perchè se da Road si vuole passare a Rain, bisogna fare tutto il giro. 

 

La posizione in sella non è che sia proprio comodissima, si sta abbastanza carichi sui polsi, la sella è duretta e le ginocchia sono abbastanza ranicchiate. Tutto questo va benissimo quando si vuole spingere un pò più forte, guidare in maniera più sportiva, però sulle lunghe distanze secondo me può stancare un pò. Sono invece ben posizionati i comandi e il cruscotto, che è ben leggibile e rispetto alla versione precedente ha anche l'indicatore della marcia inserita.

 

La Speed Triple R in mezzo alle curve è pura gioia, ha un comportamento sincero ed è molto maneggevole. L'inserimento in curva è preciso, rapido e stabile, così come a centro curva, poi, grazie a quel motorone, in uscita ti spara fuori e senza che te ne accorgi sei già alla curva successiva. Gran parte del merito è delle forcelle e delle sospensioni, che sulla "R" sono di prima scelta. Sia la forcella che il mono posteriore sono della Ohlins, regolabili in precarico, estensione e compressione. Io le ho trovate un pò durette per un uso cittadino o turistico, perchè quando si passa sulle buche, queste si fanno sentire, ma del resto l'impostazione e la destinazione d'uso di questa moto sono molto chiare...tutto è improntato verso una guida sportiva!!! Basta pensare ad esempio, come ho scritto prima, alla durezza della sella, che fa sentire bene tutto ciò che succede sotto di noi, o al nuovo disegno del serbatoio, ora più stretto, che permette un maggiore controllo. La Speed Triple ha un target ben preciso!

 

L'impianto frenante montato su questa moto è di altissimo livello. Doppio disco anteriore da 320mm con pinza monoblocco radiale Brembo davanti e Nissin dietro. Il freno anteriore è qualcosa di esagerato, ha una potenza incredibile e va usato con molta attenzione, diciamo che la forza applicata sulla leva deve essere ben calibrata! Meno male che c'è l'ABS (disinseribile, se volete rischiare!), perchè se uno non fosse abituato, potrebbe facilmente fare una bella capriola in avanti alla prima frenata decisa. Non mi è piaciuta molto la leva dell'anteriore, perchè nella prima parte di corsa è come se andasse a vuoto per poi farti arrivare tutta la potenza all'improvviso. E' decisamente un impianto più sportivo che stradale.

 

 

Inizialmente, quando sono arrivato in concessionaria, avevo pensato di portarla su per l'Appennino, verso il Sassello, ma appena la strada ha iniziato a salire, ho scoperto che c'era ancora le neve che era venuta giù la settimana precedente! Il problema però, era che stava iniziando a scioglersi e quindi la strada era tutta bagnata, così ho dovuto ripiegare sulla costa. Era da un pò che volevo fare un filmato con la neve...diciamo che in parte ci sono riuscito!!! Prima di lasciarvi alla mia videoprova ci tengo a ringraziare i ragazzi della Triumph Varaldo di Savona, che come al solito, sono sempre molto gentili e disponibili!

 

Ciao a tutti!!! 

 

 

Please reload

Motorcycle Lover
Categories
Please reload

My Youtube Channel
Last Posts
Please reload