© 2015 by Ricky's Ride. 

  • Black YouTube Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black Facebook Icon

Triumph Tiger 800 XRt - Una grande media!

March 30, 2018

 

Quest’anno l’attesa è stata veramente lunga, ho dovuto aspettare sino a fine marzo per poter dare il via alla nuova stagione di prove e non poteva esserci un miglior inizio se non quello di testare la nuova Triumph Tiger 800 XRt.

 

La nuova tourer inglese è stata profondamente rivista durante il corso del 2017 dai tecnici di Hinckley e rispetto al vecchio modello può vantare oltre 200 modifiche…praticamente una moto nuova!

 

Prima di entrare nello specifico, credo sia meglio fare un po’ di chiarezza sui nuovi allestimenti perché c’è veramente il rischio di perdersi, viste le tante sigle. Iniziamo dividendole in due gruppi, il primo è formato dalle versioni con l’anteriore da 19”, siglate XR; il secondo raggruppa invece quelle con l’anteriore da 21”, sotto la sigla XC. Tra le prime abbiamo la XR, la XRx e la XRt, mentre tra le altre ci sono la XCx e la XCa. Si parte semplicemente dalla versione base per arrivare al top di gamma.

 

 

Come detto gli aggiornamenti sono tantissimi e direi di iniziare dal motore, con il quale si è cercato di ottenere una erogazione più pronta e per questo  motivo  è stata accorciata la prima marcia. Questo però non è andato però ad intaccare il famoso equilibrio del tre cilindri inglese che rimane sempre molto trattabile in basso, non scalcia quando si riprende il gas in mano (anche con una marcia alta e pochi giri), non scalda e non vibra. Comunque quando entra in coppia e libera tutti i suoi 95 cv fa divertire anche i più smaliziati..c'è da leccarsi i baffi!  Tutto ciò viene controllato da un’elettronica di alto livello che comprende oltre al traction control anche 5 modalità di guida. 

 

Il reparto sospensioni e quello dell'impianto frenante sono di buon livello e abbastanza adeguati alle prestazioni di questa nuova Tiger. Le sospensioni, che sulla XRt sono completamente regolabili, sono della Showa e hanno un’impostazione  prevalentemente improntata sul turistico che assorbe bene le buche ma che, con una andatura allegra, genera qualche fastidioso spostamento di carico. Visto però che sono regolabili, non dovrebbe essere un problema indurire un po’ l’assetto e attenuare questo effetto. L’impianto frenante affidato alla Brembo è molto modulabile, progressivo e dotato di abs, perfetto anche per un neofita.

 

Spostandoci sul lato strumentazione, troviamo un dashboard TFT full colour completamente regolabile dove potete sistemare la grafica a vostro totale piacimento e blocchetti retroilluminati con comando joystick. Tutte le luci della nuova Tiger 800 sono a LED.

 

 

La posizione di guida, come deve essere su una moto da turismo, è molto confortevole e offre un gran senso di controllo. Manopole e selle riscattabili insieme ad un ampio plexiglass fanno il resto rendendola perfetta per macinare km su km.

 

Nonostante il suo peso non sia proprio leggerissimo, grazie ad un bilanciamento molto ben riuscito sembra di essere in sella ad un motard. Questa Tiger si fa sbattere tra le curve senza il minimo sforzo e se non si forza troppo l’andatura, in inserimento, percorrenza e uscita sembra di viaggiare su un binario.

 

A livello estetico è sempre difficile dare un giudizio imparziale, può piacere o no, ma quello che è innegabile è la cura del dettaglio, che in Triumph non passa mai in secondo piano.

 

Buona visione e a presto!

 

 

 

Please reload

Motorcycle Lover
Categories
Please reload

My Youtube Channel
Last Posts
Please reload