© 2015 by Ricky's Ride. 

  • Black YouTube Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black Facebook Icon

Ducati Monster 821 - Libera di correre!

April 23, 2018

 

 

Venticinque anni fa a Borgo Panigale, in provincia di Bologna, veniva al mondo il primo Monster, una naked…pardon, una scarenata come si diceva in quegli anni, che avrebbe segnato, soprattutto a livello di linee, la storia della motocicletta moderna. Quest’anno, proprio per celebrare il suo compleanno, Ducati ha presentato il nuovo 821, il Monster di mezzo!

 

Il bicilindrico Testastretta da 109 cv è il cuore pulsante di questa moto e come da tradizione Ducati è abbracciato dal telaio diventando parte integrante della ciclistica. E’ proprio il motore l’elemento principale che determina il carattere del nuovo Monster, un mezzo nato per correre libero su strade senza traffico, che al massimo può tollerare qualche auto sul suo percorso, ma non molto di più. In città e in mezzo alle macchine l’821 scalcia, strappa, sbuffa e scalda, ma appena trova spazio per scatenarsi…diventa uno spettacolo! La sua spinta e il suo sound meraviglioso (già con lo scarico di serie) ti avvolgono dalla prima accelerata portandoti fuori dalle curve con la giusta cattiveria, quella buona, lasciandosi alle spalle tutto il nervosismo che aveva accumulato ai bassi. 

 

 

In piega la sensazione di grip e di impronta a terra sembra infinita e grazie ad una forcella molto solida permette di impostare le curve e di mantenere la linea con estrema facilità. Questa facilità di guida è sicuramente agevolata da un peso ridotto, solo 180.5 kg a secco e da un baricentro molto basso. Inoltre un setting delle sospensioni piuttosto sul duro offre un bel supporto quando la si tira. E’ molto meno disinvolta invece in città, dove un raggio sterzo un po’ chiuso secondo me ne limita i movimenti richiedendo qualche manovra in più per togliersi dal traffico, sopratutto se ci si ritrova incolonnati. 

 

L’impianto frenante composto da pinze della Brembo è fantastico, uno dei migliori che abbia provato. Ha molta potenza con un attacco abbastanza aggressivo che la fa arrivare subito appena la si cerca senza però essere estremo. Certo, chi non è abituato dovrà farci un po’ l’abitudine all’inizio, ma dopo non potrà più farne a meno.

 

 

La posizione di guida ha un'impostazione abbastanza sportiva, come è giusto che sia, con le braccia allungate sul serbatoio, il peso leggermente caricato sui polsi e le gambe ranicchiate. Taratura delle sospensioni, dimensioni compatte, imbottitura della sella e trattabilità del motore non ne fanno una grande compagna di viaggio (se si vogliono fare tanti chilometri) e non vanno d'accordo con le gite fuori porta in due. In poche parole questo Monster è una moto da single con il polso pesante...e non fate i maliziosi!!!

 

Una più che buona dotazione elettronica che comprende abs, DTC, vari riding mode e ride-by-wire, completa un ottimo pacchetto, nel quale si può notare anche un'alta attenzione alla cura dei dettagli (torna anche il mitico gancio del serbatoio). Bella da guidare e bella da guardare!

 

Il nuovo Ducati Monster 821 secondo me ha un compito molto tosto da portare a termine, cioè farsi strada tra una concorrenza parecchio agguerrita composta in primis da Triumph Street Triple, KTM Duke 790 e Brutale 800, senza dimenticare le varie giapponesi. Vedremo chi la spunterà!

 

Ciao a tutti e alla prossima!

 

Please reload

Motorcycle Lover
Categories
Please reload

My Youtube Channel
Last Posts
Please reload